Posts Tagged ‘Riccardo Cascioli’

Luigi Negri, un vescovo senza pietà per i bimbi

Luigi Negri, già vescovo di Ferrara, sulla rivista on-line “lanuovabq.it” pubblica una lettera
contro le bimbe e ragazze vittime della strage di Manchester al concerto di Ariana Grande.


Bimbi e bimbe, ragazzi e ragazze, che per Mons. Negri,
persino indesiderati,
sono vissuti senza ragioni,
hanno vissuto una vita sprecata
e sprecati sono morti.

Negri: avete vissuto senza ragioni

Stamani su Radio24, un fan di Mons. Negri, incazzato telefona dicendo che su Negri si dicono falsità su questa lettera.

Eppure la lettera è sul sito di laNuovaBussolaQuotidiana, la rivista on-line dei cattolici fondamentalisti e integralisti.


E’ una summa di attacchi contro le bimbe, bimbi, ragazze e ragazzi,
ma anche contro i genitori delle vittime,
e ancora contro l’uso della psicanalisi,
ritrovando le sue ragioni, e stringendolo a sé persino citandolo, anche nel cardinale conservatore Robert Sarah,
quello elogiato dal papa Ratzinger
il “monaco” “nascosto” “silenzioso” (!) in Vaticano.

Ecco cosa scrive il vescovo Luigi Negri alle vittime:

“anche se non vi conosco
[…]

Siete venuti al mondo, molte volte neanche desiderati, e nessuno vi ha dato delle «ragioni adeguate per vivere»,
[…]

siete morti così,
quasi senza ragioni come avevate vissuto.
[…]

vi faranno un “ottimo” funerale in cui si esprimerà al massimo questa bolsa retorica laicista con tutte le autorità presenti – purtroppo anche quelle religiose – in piedi, silenziose.
Naturalmente i vostri funerali saranno fatti all’aria aperta, anche per quelli che credono, perché ormai l’unico tempio è la natura.
[…]

celebrerò la messa per tutti voi il giorno del vostro funerale perché dall’altra parte
incontriate il volto carissimo della Madonna che, stringendovi nel suo abbraccio,
vi consolerà di questa vita sprecata,”
[…]

ingrandire

Vedi: http://www.lanuovabq.it/it/articoli-poveri-figli-della-societa-che-non-riconosce-il-male-19937.htm


Mi domando se questo uso strumentale e terroristico della religione da parte di mons. Luigi Negri,
non sia speculare all’uso che ne fa l’ISIS o il DAESH con l’Islam. ???

____________

Come far quadrare il cerchio?

“ma daiii! È solo un attacco contro gli adulti, i genitori incapaci… deficienti…. ”

.

Meglio mi sento,
attaccare adulti e genitori mentre piangono i propri figli…

.
ma perché non leggere

TUTTE le parole del vescovo Negri

scritte con la massima chiarezza
e
che suonano come una irrisione nei confronti di vite inutili come quelle di questi ragazzini ?

Dove mi sono trovato a distorcere il testo di Negri, sempre così chiaro?

.

Perché irridere ai genitori dei ragazzini morti ?

Come prendere a calci un genitore che piange sul cadavere del figlio morto !

.

Negri non conosce tempi più opportuni per analisi sociologiche
che sbavare su cadaveri caldi e sbudellati dalla bomba stragista?

.

Anche taluni vescovi sanno mostrare il peggio sul dolore degli altri,

mostrandosi degni eredi di Caifa.

__________________________
PLAUDONO a Mons. Nergri

– Il Blog cattolico-reazionario “MessaInLatino


__________________________
COSA SCRIVE LA STAMPA sulla lettera del vescovo Negri:

http://bologna.repubblica.it/cronaca/2017/05/23/news/negri_vittime_manchester-166228284/

http://www.giornalettismo.com/archives/2217777/attentato-manchester-vescovo-ferrara-luigi-negri/

http://www.ilrestodelcarlino.it/ferrara/cronaca/manchester-attentato-negri-1.3144049

http://corrieredibologna.corriere.it/bologna/notizie/cronaca/2017/24-maggio-2017/gli-islamici-vescovo-ferrara-siamo-prime-vittime-terrorismo-2401612859088.shtml

“Negri su Manchester peggio di Salvini” di Raffaele Rinaldi

Annunci

I troll cattolici: odiate gli omosessuali

traditional catholic christian terrorist
Gianrinaldo 23 giu 2014 sentinelle-omosessuali

Gianrinaldo 7 luglio 2014 omosessuali

I troll nel blog di Accattoli ci asfissiano giornalmente
con i link su Nuova Bussola Quotidiana,

un sito di odio giornaliero contro leggi civili e diritti umani e contro le persone.

I troll del Blog Accattoli sono ossessionati dagli omosessuali,

e ogni giorno linkano sul blog-Accattoli gli articoli di Nuova Bussola Quotidiana,
che disseminano disprezzo e odio verso quei cattolici e vescovi/preti,
che non manifestano segni di guerra e odio contro gli omosessuali.

Se non pensi agli omosessuali,
loro, i troll,
con il sostegno di Nuova Bussola Quotidiana,
ti costringono a pensarci,
nella speranza che tu, prima o poi, riesca ad odiarli.

L’ultimo, propone la rabbia di Stefano Fontana e Riccardo Cascioli,
contro i vescovi che non indicono una crociata come nel lontano 2007.
Sono
Terrorizzati dal governo Renzi che propone il riconoscimento
Per le unioni civili per due persone omoaffettive che si amano.

L’amore tra due persone dello stesso sesso, per costoro,
distrugge l’amore di coppia e familiare tra due persone eterosessuali,
e
ancora non ci fanno capire secondo quale mistero “transustanziale”
questo accada.

Io da povero cattolico,
sono sconvolto dal cieco odio di costoro,
dalla religione di costoro…..
forse,
la mia fede in Gesù, la mia gratitudine negli Apostoli e cristiani che l’hanno trasmessa,
non ha a che vedere con la religione dei troll che usano il blog-Accattoli.

Meglio uccidere che convivere.

.bollettino di don tarcisio vicario
ma dietro don Tarcisio Vicario


Se uccidi, non preoccuparti,
ti penti, basta confessarti
e ritorni in grazia di dio.


Se convivi con la tua compagna o con il tuo compagno,
se sei sposato civilmente al Comune,
ti curi del tuo compagno/compagna,
dai la vita a dei figli, li educhi,
non ti puoi confessare,
non puoi ritornare nella grazia di dio,


quindi
se convivi
se sei sposato civilmente,
e ami,


sei peggio di un omicida.


Uccidere
è solo “un peccato occasionale“,
come farti una sega, masturbarti…


E’ semplicissimo intendere le parole di don Tarcisio Vicario:
«Chi contrae un matrimonio civile vive in una infedeltà continuativa.
Non si tratta di un peccato occasionale (per esempio un omicidio),
di una infedeltà per leggerezza o per abitudine
che la coscienza richiama comunque al dovere di emendarsi attraverso un pentimento sincero».


Il giornale di proprietà dei vescovi “Avvenire” scrive:
«Un paragone non certo azzeccato»


Un paragone ?????? non azzeccato ????’


Ma se persino il Vescovo locale Franco Giulio Brambilla ha affermato:
« inaccettabile equiparazione »


Ma aggiunge “Avvenire” :
«Ora chiarita la posizione dalla diocesi c’è l’auspicio che i riflettori si spengano in fretta».


I riflettori si spengano in fretta ?????


Avvenire è sotto l’effetto di una canna ????


Ma se c’è tutta una frangia cattolico-reazionario e tradizionalista in tutto il mondo e in Vaticano,


che sono incazzati con Papa Francesco,
che condanna gli omicidi della mafia, della n’drangheta,


che sono incazzati perché Bergoglio mette prima di tutto
i sofferenti,
i malati,
i derelitti,
i feriti dalla vita,
i carcerati,


che sono incazzati,
perché per loro, cattolici puristi e dottrinari,


al primo posto sono i valori non negoziabili
contro le persone conviventi,
contro le persone che fanno sesso senza essere sposati,


e non quelle stronzate
degli omicidi,
delle corruzioni,
dei furti,
degli sfruttamenti dei corpi,
delle schiavitù.


Magari le parole, don Tarcisio le ha messe male in fila,
ma
il senso profondo è quello,
come confermano
i reazionari che infestano il blog dell’ottimo Vaticanista Accattoli,
Federico e Luigi Franti:


« Le parole di questo don Tarcisio possono essere state forti e possono aver ferito la sensibilità di molti parrocchiani, ma resta una domanda: perché ci sono “bravi ragazzi” che non scelgono il matrimonio religioso?…. Perché un genitore deve sentirsi offeso, stizzito e arrabbiato perché un sacerdote fa il suo dovere…»


«la cretinata è solo in quelle cinque parole messe tra parentesi»


«la rettifica del vescovo fa solo confusione perché alla domanda che a quel punto implicitamente chiunque si porrebbe («ma allora è lecito per la chiesa convivere more uxorio senza essere sposati?») sostanzialmente risponde: «è complesso». Complimenti al vescovo.»


Ma anche sul blog del Vaticanista Andrea Tornielli,
i reazionari non si danno pace,
come Stefano, :


«Il Vescovo di Novara Mons. Franco Giulio Brambilla…. Penso quindi che abbia fatto solo una gran brutta figura di cagasotto. »


Ma i reazionari continuano:
Riccardo Cascioli(lanuovabq.it)(corrispondenzaromana.it):

«un parroco – colpevole solo di spiegare il catechismo – può anche aspettarsi che il vescovo, per mantenere buoni rapporti con i “nuovi pagani”, lo esponga al pubblico ludibrio


….Cosa ha detto di sbagliato don Tarcisio? Nulla. Ma quel riferimento all’omicidio ha subito provocato reazioni scomposte: «Ha detto che convivere è peggio dell’omicidio», è cominciata a girare la voce, e ovviamente le sue parole sono state subito strumentalizzate e sono diventate titoli choc di giornale.


…E il vescovo, monsignor Franco Giulio Brambilla, cosa fa?
….consegna un suo prete alla pubblica gogna. »


A proposito
se il Vescovo Brambilla si scusa,
il prete Tarcisio
si guarda bene dallo scusarsi,
lui,
ha solo fatto un’opera di evangelizzazione.

http://www.luigiaccattoli.it/blog/2014/06/24/il-corpus-domini-in-piazzetta-a-monti/#comments

http://2.andreatornielli.it/?p=7542#comments

http://www.avvenire.it/famiglia/Pagine/vescovo-novara-convivenze.aspx

http://www.corrispondenzaromana.it/notizie-dalla-rete/se-il-vescovo-consegna-un-prete-alla-pubblica-gogna/

http://www.lanuovabq.it/it/articoli-se-il-vescovoconsegna-un-prete-alla-pubblica-gogna-9550.htm

L’odio di un cattolico: Mario Palmaro

Mario Palmaro - gayI diritti civili anche per le persone omoaffettive/gay 
sono nell’agenda quotidiana della stampa in tutto il mondo occidentale 
e dai conservatori ai progressisti tenta in ogni modo
di strumentalizzare il Papa ed il mondo cattolico 
a favore o per contro.

Spesso mi diverto a leggere il blog di S. Maria Guarini 
(Chiesa e postconcilio)
una conventicola di persone tradizionaliste ratzingeriane
che odiano tutto,
tranne loro stessi.

Oggi vi trovo l’indicazione di un articolo 
del cattolico Mario Palmaro 
famoso per il suo odio e di casa sul “Foglio” di Giuliano Ferrara.


Come ho già scritto precedentemente il cattolico Mario Palmaro
è ossessionato ogni giorno da un particolare argomento,
che non lo fa dormire la notte.

Mario Palmaro , 
scrive al direttore del quotidiano on-line "La Nuova Bussola Quotidiana":
.

____________________________
«Caro direttore,
…avverto la necessità di scrivere … ciò che penso.

Il mio problema è la Chiesa cattolica.

… Fra poco prenderanno mio figlio di sette anni e a scuola
lo metteranno a giocare
con i preservativi e i suoi genitali,
e la Chiesa di che cosa mi parla?

  • Dei barconi che affondano a Lampedusa,
  • di Gesù che era un profugo,
  • di un oscuro gesuita del ‘600 appena beatificato.

Fra poco ci impediranno di dire e di scrivere che l’omosessualità è contro natura,

… il Cardinal Schonboern – che veste il saio che fu di San Domenco e di Tommaso d’Aquino – è venuto a spiegare ai preti ambrosiani che lui è personalmente intervenuto per proteggere la nomina in un consiglio parrocchiale di due conviventi omosessuali.
Li ha incontrati e, dice Shonboern, “ho visto due giovani puri, anche se la loro convivenza non è ciò che l’ordine della creazione ha previsto”.

Ecco, caro direttore,
questa è la purezza secondo un principe della Chiesa all’alba del 2014. …

Prenderanno mio figlio di sette anni e
gli faranno il lavaggio del cervello
per fargli intendere che l’omosessualità è normale,
e intanto il mio arcivescovo invita in duomo un vescovo che mi insegna che due gay conviventi sono esempi di purezza?

… ha guadagnato in pochi secondi più metri a favore della lobby gay quella frasetta di Papa Francesco,
che in decenni di lavoro tutto il movimento omosessualista mondiale.

… vescovi come Mogavero,
all’ombra di quella frasetta sul “chi sono io per giudicare
possono costruire impunemente castelli di dissoluzione, e a noi tocca solo tacere.

Intendiamoci: sarebbe da stolti imputare al Papa o alla Chiesa la colpa che gli stati di tutto il mondo stiano normalizzando l’omosessualità:
questa marea montante è inarrestabile,
non si può fermarla.
La ragione è semplice:
Londra e Parigi, New York e Roma, Bruxelles e Berlino
sono diventate una gigantesca Sodoma e Gomorra.

Il punto però è se questo
noi lo vogliamo dire
e lo vogliamo contrastare
e lo vogliamo denunciare,
oppure se vogliamo fare i furbi e nasconderci dietro il “chi sono io per giudicare”.

Il punto è se anche Sodoma e Gomorra planetari
debbano essere trattati con il linguaggio della misericordia e della comprensione.

Ma allora,
mi chiedo, perché non riservare la stessa misericordia
anche

  • ai trafficanti di armi chimiche,
  • agli schiavisti,
  • agli speculatori finanziari?

Sono poveri peccatori anche loro?
O no?
O devo chiedere a Schonboern di incontrarli a pranzo e di valutare la loro purezza?

Caro direttore,
la situazione ormai è chiarissima:
qualsiasi politico cattolico o intellettuale o giornalista
che anche volesse combattere sulla frontiera omosessualista,
si troverà infilzato nella schiena dalla mistica della misericordia e del perdono.

Siamo tutti totalmente delegittimati,
e qualsiasi vescovo, prete, teologo, direttore di settimanale diocesano, politico cattolico-democratico
può chiuderci la bocca con quel “chi sono io per giudicare”.
Verrebbe impallinato da un mons. Mogavero qualsiasi come un fagiano da allevamento in una battuta di caccia.

… il mio problema è che l’altro giorno il Santo Padre ha detto
che il Vangelo “non si annuncia a colpi di bastonate dottrinali, ma con dolcezza.”

Tu ed io che ci siamo battuti e ci battiamo

  • contro l’aborto legale,
  • contro il divorzio,
  • contro la fivet,
  • contro l’eutanasia,
  • contro le unioni gay,
  • e contro i politici furbi come Matteo Renzi

che quella roba la promuovono e la diffondono.

Ecco, tu ed io siamo, irrimediabilmente,
dei randellatori di dottrina,
della gente senza carità,
degli eticisti,
degli “iteologi” dice qualche giornalista di cielle.

… Il problema è nostra Madre la Chiesa,
che ha deciso di mollarci nella giungla del Vietnam: gli elicotteri sono ripartiti e noi siamo rimasti giù, a farci infilzare uno dopo l’altro dai vietcong relativisti.


No, io non mi lamento per me.

Mi rimane però il problema di quel mio figlio di sette anni e di altri tre già più grandi,
ai quali io non voglio e non posso dare come risposta

  • i barconi che affondano a Lampedusa,
  • i gay esempio di purezza del cardinale Shonboern,
  • il meticciato e l’elogio della cultura rom del cardinale Scola,
  • il disprezzo per le randellate dottrinali secondo Papa Francesco,
  • Mogavero che fa l’elogio delle unioni civili.

… perché mai ti scrivo tutte queste cose?
Perché questa notte non ci ho dormito.
E perché io voglio capire che cosa deve ancora accadere in questa Chiesa perché i cattolici si alzino, una buona volta, in piedi.
Si alzino in piedi e si mettano a gridare dai tetti tutta la loro indignazione.
… No, no:
qui io faccio appello
alle coscienze dei singoli,
al loro cuore,
alla loro fede,
alla loro virilità.
Prima che sia troppo tardi.»

Mario Palmaro

Fonte:
Il fumo di Satana nella Chiesa
di Mario Palmaro e Riccardo Cascioli
08 gen. 2014
La Nuova Bussola Quotidiana

____________________________
Io, come blogger cattolico,
non posso che ribadire in ogni momento,
quanto è fondamentale,
che io sappia rispettare che altre persone si amino
anche se costoro sono dello stesso sesso,
e che la loro vita comune venga riconosciuta dalla società
e tutelata contro coloro che istigano ad odiarli.

Questo a me e ad ogni famiglia uomo-donna,
non toglie nulla,
non priva di nulla,
apporta solo la ricchezza delle differenze
sempre esistite nella realta umana e naturale.

La problematica morale religiosa,
per le persone omoaffettive/gay,
che convivono o sono in unione civile
è affare personale loro della loro coscienza,
non dello Stato Civile.

La crescita di consapevolezza e accoglienza
verso le persone omoaffettive/gay,
libererà dall’ansia distruttiva le famiglie
allorchè scoprono l’omosessualità di un figlio o figlia,
o di un genitore.

E’ una sfida di civiltà e di amore.
Altri cattolici preferiscono
la guerra santa o la Jihad.