Posts Tagged ‘Cattolici integralisti’

30 Maggio ore 17 – UPTER – Roma – Accattoli-Rusconi

Contra Franciscum

pro Franciscum.

5° incontro dei due giornalisti, e con questo quattro incontri si saranno svolti completamente fuori dall’ambiente di vita della comunità ecclesiale che sarebbe legittimamente la vita parrocchiale.

Una sorta di match in cui il giornalista Rusconi cerca di mettere il carico da 100 contro quasi ogni gesto e parole intorno a papa Francesco e il giornalista Accattoli presente a mostrare la non veridicità di fatti spesso artefatti dallo stesso Rusconi.

Fondamentalmente,
assistere a questi incontri dà l’idea di trovarsi in un’aula di un Tribunale Penale,
Giuseppe Rusconi è la pubblica accusa, e farà tutto quanto gli è possibile per convincere delle sue accuse contro papa Francesco.

In chi ascolta si fa strada un senso di impotenza nella incapacità di dialogo sulla ricerca del buono, quando non c’è perggior sordo di chi non vuol sentire.

Diversi atteggiamenti appaiono ridicoli.

    • In ogni incontro, lo sventolare di Rusconi di ogni rivista di gossip o quotidiano o stampa che parli di papa Francesco
    • o il suo interrompere molto spesso il suo interlocutore.

Rusconi appare a suo agio in incontri di piccolo pubblico.

Diversamente, l’unica volta in cui si è trovato a confrontarsi con un’assemblea parrocchiale in cui le persone non si sono fatte intimidire dai suoi sproloqui e con lui si sono relazionati, li ha pubblicamente tacciati di “fremente curva bergogliana” sul suo sito “RossoPorpora”.

Rusconi aveva prospettato un probabile incontro con Accattoli nella Parrocchia di s. Ippolito, che lui per mettere le mani avanti ha già etichettato come bergogliana. Un’altra curva bergogliana?
Quindi dove, probabilmente, non si sente in ambiente favorevole.

Vorremmo capire!

Per Giuseppe Rusconi le comunità ecclesiali delle parrocchie sono “curve bergogliane” ?

Dunque “la vera chiesa” si esprime soltanto in piccoli gruppi
di salotto?
di libreria?
di cenacolo Lepantino?
di blog alla Maria Guarini? Alla Raffaella Papale? Alla Magister/Socci?

Annuncio di Giuseppe Rusconi del prossimo 5° incontro:
http://www.rossoporpora.org/rubriche/italia/698-card-bagnasco-l-ultima-prolusione-e-l-ora-del-risveglio.html

Annunci

Il Troll è esacerbato

 

1.
Come Don Chisciotte
corre in lungo e in largo
il Blog di Accattoli in cerca di Mulini a Vento,
comunisti,
modernisti,
relativisti. Continua a leggere

Terrasanta, cattolici contro il papa

Per i cattolici tradizionalisti è un misto di incazzatura tra
antibergoglismo e antiebraismo.

federici antibergoglismo e antiebraismo tradizionalisti

.radiospada antibergoglio antiebrei terrasanta

Usare l’ostia nella lotta politica

Il cardinal Burke come tanti cattolici integralisti,
tornano ad usare l’ostia della comunione nella lotta politica o contro i politici.

Ma l’ostia è il pane dei deboli, il pane dei peccatori, è il corpo di Cristo di cui il cristiano si ciba nel proprio cammino di conversione.

L’ostia
non è il pane per gli eletti,
non è il pane per i bravi,
non è il pane per i buoni,

non è il pane per gli angeli,

è il corpo dato agli uomini
da Cristo,
per entrare in comunione con Lui,
per camminare nella conversione.

Non risulta da nessuna parte,
che Gesù abbia posto come ricatto,

la richiesta di perdono al convitato,
la richiesta di una perfezione previa.

In nessuna azione,
Gesù,
durante la sua vita pre-pasquale,
ha MAI chiesto conversione PREVIA
prima di fare un suo dono,
un miracolo,
una sanazione.

 

l’ostia nella lotta politica

codanunziante ostia comunione nella lotta politica corrispondenza romanda - Burke l'ostia comunione contro politici ostia comunione contro i politici riscossa cristiana ostia comunione contro politici rossoporpora ostia comunione contro i politici

 

 

Questo papa piace troppo (Giuliano Ferrara, Alessandro Gnocchi, Mario Palmaro)

Presentazione del libro

martedì 25 marzo 2014
ore 18,00
ROMA – piazza Santa Balbina, 8
con Giuliano Ferrara, Alessandro Gnocchi

Questo papa piace troppo (Giuliano Ferrara, Alessandro Gnocchi, Mario Palmaro)il non credente e gli ultratradizionalisti

Francesco e l’ateo devoto
di Adriano Sofri
in “la Repubblica” del 11 marzo 2014

http://www.finesettimana.org/pmwiki/uploads/Stampa201403/140311sofri.pdf

Questo papa piace troppo (Ferrara-Gnocchi-Palmaro)

Presentazione del libro

martedì 25 marzo 2014
ore 18,00
ROMA – piazza Santa Balbina, 8
con Giuliano Ferrara, Alessandro Gnocchi

Questo papa piace troppo (Giuliano Ferrara, Alessandro Gnocchi, Mario Palmaro)

• Titolo: Questo papa piace troppo. Un’appassionata lettura critica
• Autori: Giuliano Ferrara, Alessandro Gnocchi, Mario Palmaro
• Editore: Piemme
• Data di Pubblicazione: 11 Marzo 2014
• ISBN: 8856638762
• ISBN-13: 9788856638769
• Pagine: 220
• Prezzo: € 15.90
• EUR 9,99 Formato Kindle
Disponibile per il download immediato

___________

I gesti e le parole di papa Francesco sono campionario di relativismo morale e religioso.

Le esibizioni di ostentata umiltà ben poco francescane.

La sua proclamazione dell’autonomia della coscienza e della visione personale del Bene e del Male, in palese contraddizione con il catechismo e il magistero dei pontefici precedenti.

In un panorama in cui, dall’ultimo dei parroci al più agguerrito degli atei militanti, tutti si profondono a cantare le lodi del primo gesuita asceso al soglio di Pietro, la lettura controcorrente di due puntute firme del mondo cattolico tradizionale è apparsa come una vera e propria pietra dello scandalo.

Mentre opinionisti da sempre anticattolici, su giornali da sempre anticlericali, riprendono le frasi “rivoluzionarie” di Bergoglio trasformandole in roboanti titoli da prima pagina,
questa arguta riflessione
si pone come primo contraltare
all’unanime (e spesso per nulla disinteressato) consenso tributato al “vescovo venuto dalla fine del mondo”.
E offre nuove indicazioni per amarlo, nonostante tutto.

http://www.libreriauniversitaria.it/questo-papa-piace-troppo-appassionata/libro/9788856638769

http://www.sanpaolostore.it/questo-papa-non-ci-piace-9788856638769.aspx

________

«La “pastorale della tenerezza” di Bergoglio mi trova infastidito e in totale disaccordo.
Le mie ferite non sono curabili nella sua chiesa ospedale da campo».

GIULIANO FERRARA

«Se un papa in un’intervista arriva a dire «io credo in Dio, non in un Dio cattolico» sarà poi assai difficile per l’Osservatore Romano o l’Avvenire “normalizzare” la frase e sostenere che la locuzione non è stata capita perché “estrapolata dal contesto”».
ALESSANDRO GNOCCHI – MARIO PALMARO

«L’aspetto più inquietante dell’insegnamento del pontefice argentino è che vi sia un’alternativa insanabile fra rigore dottrinale e misericordia».
ALESSANDRO GNOCCHI – MARIO PALMARO

Ai feroci cattolici-tradizionalisti

Le peripezie teologiche di Ratzinger,
sopratutto quelle della sua vecchiaia,
mandano in esausto qualsiasi persona di buona volontà.
.

Dopo gli attacchi ricevuti ieri da feroci cattolici-tradizionalisti, sessuofobi,
sconvolti dalla chiarezza delle mie parole,
ho ripensato alle parole di Ratzinger,
.

Persecution  - prendere la vita degli altri piuttosto che dare la propria vita

su quei cattolici che preferiscono ucciderti,
(con la lingua, non avendo altro a disposizione !!!)
.

invece che loro stessi dare la propria vita,
per affermare l’incredibile bontà della loro fede.
.

Scrive il vecchio Ratzinger:

«Ogni parto esige sofferenza,
è sofferenza,
ed il divenire cristiano è un parto.

Diciamolo ancora una volta con parole del Signore:
Il regno di Dio esige violenza (Mt 11, 12; Lc 16, 16),
ma la violenza di Dio
è la sofferenza,
è la croce.

Non possiamo dare vita ad altri,
senza dare la nostra vita.

Il processo di espropriazione sopra indicato
è la forma concreta (espressa in tante forme diverse)
di dare la propria vita.

E pensiamo alla parola del Salvatore:
“…chi perderà la propria vita per causa mia e del vangelo, la salverà…” (Mc 8, 36)».

___
rif:
http://www.vatican.va/roman_curia/congregations/cfaith/documents/rc_con_cfaith_doc_20001210_jubilcatechists-ratzinger_it.html