Sinodo: Coppie e convivenze omosessuali

coppie gay - coppie omoaffettive - coppie omosessuali - chiesa - cattolici
Sinodo 2014
Cosa stanno dicendo i vescovi in aula ?
.
.

Quattro minuti … l’argomento tabù ha fatto irruzione nel dibattito.
Coppie omosessuali, istruzioni per l’uso.

…una realtà diffusa e multiforme che fa a pugni con la dottrina cattolica, e che fa affiorare certe incongruenze pastorali:

Gesù come si sarebbe comportato davanti a tanti esempi di amore non convenzionale secondo i
dettami della dottrina?

Il vescovo di Gozo(Malta), monsignor Grech,
ha parlato, in base alla sua esperienza,
ma
senza giustificarla dal punto di vista dottrinale
portando però al Sinodo
il dolore di tanti gay e delle famiglie che hanno figli dichiaratamente omosessuali.


«Andrebbe trovato un linguaggio più vicino a loro,
perché


l’attuale formulazione nel Catechismo


forse mostra una certa insensibilità.


Forse potrebbe essere modificato»

(estratto da: Monsignor Grech: «Serve più sensibilità nei confronti delle coppie omosessuali»
di Franca Giansoldati in “Il Messaggero” del 9 ottobre 2014)
.
.
.
Mons. Grech, ha già parlato con la sua abituale libertà di parola:

___________________
Mons. Mario GRECH, Vescovo di Gozo (MALTA)
nel Sinodo 2012 – Nuova evangelizzazione il 15 ottobre, così è intervenuto:

« Come osserva il Santo Padre nell’omelia dell’apertura di questo Sinodo, il matrimonio come unione d’amore fedele e indissolubile tra l’uomo e la donna “costituisce in se stesso un Vangelo, una Buona Notizia per il mondo di oggi.” Continuando, il Santo Padre ha affermato che “il matrimonio è chiamato ad essere non solo oggetto, ma soggetto della nuova evangelizzazione.”

Mentre la Chiesa continuerà a proclamare questo Vangelo del matrimonio, non possiamo trascurare la dolorosa realtà di tanti matrimoni che purtroppo finiscono male.

Pur riconoscendo le difficoltà, credo oggi sia fondamentale essere presenti come Chiesa nella vita di tante coppie di fatto o divorziati risposati che vogliono proseguire un cammino di fede insieme con tutta la Chiesa.
Per le coppie di fatto che sentono l’insegnamento del Magistero come un macigno sulla loro testa e sui loro cuori, e trovano difficoltà a riconciliarsi con la Chiesa e forse con Dio, l’avere la Chiesa che cammina accanto a loro si rivela veramente come buona notizia per loro. Esperienze di questo genere fanno vedere che “la Chiesa è vicina a chi ha il cuore ferito”.

Nonostante il fatto che non sono in perfetta comunione con la Chiesa per causa della loro irregolarità, tanti di loro amano e credono nel Signore e nella Chiesa.

Direi che queste coppie oggi aspettano da questo Sinodo un “messaggio imperiale” – una parola illuminante come quella che ha pronunciato il Santo Padre a Milano: “Questo problema dei divorziati risposati è una delle grandi sofferenze della Chiesa di oggi. E non abbiamo semplici ricette … E poi, quanto a queste persone, dobbiamo dire che la Chiesa le ama, ma esse devono vedere e sentire questo amore.

Mi sembra un grande compito di una parrocchia, di una comunità cattolica, di fare realmente il possibile perché esse sentano di essere amate, accettate, che non sono “fuori” anche se non possono ricevere l’assoluzione e l’Eucaristia: devono vedere che anche così vivono pienamente nella Chiesa” (2 giugno, 2012).»

http://www.vatican.va/news_services/press/sinodo/documents/bollettino_25_xiii-ordinaria-2012/01_italiano/b18_01.html#-_S._E._R._Mons._Mario_GRECH,_Vescovo_di_Gozo_%28MALTA%29

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: