E i genitori cattolici di figli gay? (Agedo e Chiesa)

???????????????????????????????


Noi cattolici,
quando il figlio o la figlia è gay.


Fede e omosessualità.


Biella

mercoledì 26 marzo alle 21.00


presso la biblioteca diocesana

Per la serie “Dialoghi in Biblioteca”

Biblioteca Diocesana di Biella e AGEDO-Biella


I genitori di figli gay si incontrano con la diocesi, la Chiesa di Biella.


Anche tra i cattolici sono numerosi i genitori di figli omoaffettivi


Nonostante gli ostracismi
nella famiglia ecclesiale cattolica c’è lo sforzo a dialogare.


Genitori cattolici che pensavano che i gay fossero problema degli altri,
si ritrovano ad avere figli gay e nella maggior parte dei casi non sanno come comportarsi.


Nella maggior parte dei casi la famiglia ecclesiale cattolica
non offre alcun sostegno ai genitori cattolici di figli gay.


Se il genitore cattolico si rivolge al proprio prete per un consiglio
spesso trova il vuoto, quando non il rifiuto.


Genitori anche cattolici,
hanno dovuto e potuto trovare aiuto nell’associazione laicale dell’Agedo(associazione genitori di omosessuali ).


La Chiesa diocesana che è in Biella,
ha trovato questa occasione,
nell’incontro con i genitori di figli omoaffettivi negli spazi della biblioteca diocesana (nella serie “Dialoghi in Biblioteca).


In questo spazio
si porranno le domande importanti per genitori ed educatori cattolici,
come posso stare vicino al mio figlio o figlia omosessuale o ai ragazzi omosessuali?


Come posso
io genitore cattolico
far accogliere nella mia Chiesa mio figlio o mia figlia omosessuale.


Come posso io genitore cattolico
aiutare gli altri genitori a non sentirsi soli
dinanzi all’omosessualità del proprio figlio o della propria figlia?


Aiutare i genitori cattolici
a comprendere il cammino di fede cattolica dei propri figli omoaffettivi.


Per i genitori cattolici, il tempo odierno,
è particolarmente difficile
a causa di radicali contrapposizioni e rifiuti posti in essere da diverse parti della gerarchia cattolica
e da laici cattolici integralisti.


Allo stesso tempo i genitori cattolici vogliono capire come nella Chiesa i figli gay possano dare testimonianza concreta della propria fede,
facendosi conoscere e apprezzare per prima cosa come persone,
e farsi accogliere nella propria identità-affettiva sessuale.


In questo incontro,
sarà presente Don Ermis Segatti,
che fu incaricato, dall’allora vescovo della Chiesa di Torino Mons. Poletto,
nella pastorale familiare, di seguire il dialogo e l’incontro con i cattolici anche omoaffettivi.


Nonostante il gran rumore delle fasce integraliste,


noi cattolici,
noi anche chiesa cattolica,
in diverse parti d’Italia e del mondo,


stiamo riuscendo da anni a lavorare perché i cattolici gay non vivano più nella schizzofrenia,
e abbiano pienamente dignità a vivere la fede cattolica e la propria vita affettiva.


La crescita di una foresta non fa rumore…..

BIELLA - la chiesa del Vescovo - s. Stefano Cattedrale

http://www.piazzaduomobiella.it/joomla/index.php?option=com_eventlist&view=details&id=235:don-ermis-segatti-fede-e-omosessualita

One response to this post.

  1. Posted by giovanni on 25 marzo 2014 at 06:53

    La crescita di una foresta non fa rumore…..
    Non vale certo per i cattolici, che di casino ne hanno sempre fatto e continuano a farne troppo.

    Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: