Disponibile ad essere Sacerdote…….


La riflessione non viene da alcuna rivendicazione,
ma scaturisce
dall’interno di un discernimento
rintracciabile nella spiritualità di Ignazio di Loyola.


Chi ha familiarità con una tale spiritualità,
non può non sentire la necessità di chiedere chiarezza.

_________________________

suore cattoliche – perchè religiose e non sacerdoti ?


ESTRATTO da:

Disponibilità ad essere prete
di Michèle Jeunet


[…]
Amo profondamente la Chiesa cattolica perché mi ha donato Cristo.
Quando essa è accusata ingiustamente, ne soffro perché faccio parte di questa Chiesa.


Esprimere il mio disaccordo su certi punti
come quello dell’esclusione delle donne dai ministeri ordinati, è per me un modo di amarla e servirla.


[…]
dal giorno stesso in cui ho scoperto Cristo, ho sentito l’appello ad essere prete.


E questo appello non mi ha mai lasciato!


Una delle grandi opportunità della mia vita è stata di entrare in una Congregazione religiosa
che mi ha permesso di realizzare, in buona parte, ciò che portavo dentro di me.


Sono quindi innanzitutto religiosa,
felice di esserlo,
felice di questo celibato per Dio,
di questa vita fraterna e della missione della mia Congregazione che mi permette già, in parte, di vivere una vita da apostolo e di pastore.


[…]
la maggior parte dei religiosi apostolici che sono sia religiosi che preti,
come ad esempio i Gesuiti e i Domenicani,
preti, lo sono per il servizio della loro comunità e per la missione affidata.


[…]
Sono assolutamente consapevole
che ci si può solo proporre per questo ministero
e che la conferma deve venire dalla Chiesa, quale che sia l’istanza:
nei primi secoli, essa poteva venire dalla comunità riunita che eleggeva i suoi pastori;


attualmente per i preti diocesani viene dall’équipe di discernimento del seminario;


per i religiosi, viene dai Provinciali che chiamano un certo numero dei loro religiosi.


Non è quindi in nessun caso un diritto da rivendicare,
ma ciò che è legittimo e che è richiesto, è l’offerta di una disponibilità.


Un religioso domenicano, ad esempio, dopo un certo periodo di formazione, si vedrà chiamato
all’ordinazione dai responsabili dell’Ordine.


Avranno in precedenza ponderato la fondatezza di questa vocazione:
quel religioso è veramente atto a questo servizio?
La sua ordinazione sarà utile alla comunità, alle persone a cui sarà inviato, insomma, all’annuncio del vangelo?


[…]
Tutto ciò è possibile se si è religiosi al maschile,
ma impossibile se lo si è al femminile!


Prendiamo un caso concreto.


Un Centro spirituale, ad esempio tenuto da religiosi carmelitani.
Ce n’è uno nella regione parigina molto conosciuto.
La maggior parte sono religiosi-preti.
La loro comunità celebra l’eucaristia con tutti coloro che vivono dei tempi di riflessione spirituale nel loro Centro.


Le persone che partecipano a questi ritiri, se lo desiderano, possono anche beneficiare, presso di
loro, del sacramento della riconciliazione.


Facciamo il confronto con un altro centro, quello dove mi trovo io,
animato dalla mia comunità (di donne!).


Per la nostra Comunità, e per l’esperienza spirituale che noi proponiamo a coloro che vengono,
teniamo all’Eucaristia quotidiana e alla possibilità del sacramento della riconciliazione.


A differenza dei carmelitani, noi dobbiamo cercare (spesso con molta difficoltà) dei preti, evidentemente esterni.


È uno svantaggio, proprio per la missione che ci è affidata.


Per il resto, animazione, accompagnamento spirituale, predicazione del ritiro, formazione spirituale,
siamo noi che ce ne facciamo carico e lo facciamo sulla base del nostro battesimo.


Ci teniamo anche a condividere questa missione con laici, uomini e donne. In questo modo, lavoriamo anche per declericalizzare queste attività.
[…]


Interessante riflessione
da continuare a leggere nella sua interezza
su:

http://www.finesettimana.org/pmwiki/uploads/Stampa201207/120716jeunet.pdf

http://aubonheurdedieu-soeurmichele.over-blog.com/article-disponibilite-a-etre-pretre-108037082.html


____________________________________
Michèle Jeunet,Disponibilité à être prêtre, aubonheurdedieu-soeurmichele, Eucharistie, Eucarestia, Ignazio di Loyola, sacerdote, Prêtre, ordination, ordinazione, prete, donna, femmina, femmes, female, maschi, masculin, macho, male, hommes, chiesa, vaticano, Eglise catholique romaine,

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: