CONCILIO a rischio svendita?

Concilio in svendita - Council for sale - 3.000 vescovi hanno perso tempo, per 3 anni ... ...

IL CONCILIO A RISCHIO DI SVENDITA?
di Andreas R. Batlogg SJ (Redattore-capo di Stimmen der Zeit*) nov.2011

da: http://www.queriniana.it/blog/il-concilio-a-rischio-di-svendita/204
originale: http://www.stimmen-der-zeit.de/zeitschrift/archiv/beitrag_details?k_beitrag=3144350&k_produkt=3147830

Nell’ottobre 2009 ci si chiedeva:
«L’ultimo concilio è materia di trattativa?
Si può, su singoli testi dei 16 approvati tra il 1962 e il 1965, mercanteggiare  come in un bazar?»

A tal riguardo si citava da una dichiarazione dei vescovi tedeschi, del 5 marzo 2009:

«I documenti del concilio Vaticano II appartengono irrinunciabilmente alla tradizione cattolica».

La cui “autorità dottrinale” non si può «congelare all’anno 1962»:
lo stesso Benedetto XVI aveva affermato questo in una lettera del 10 marzo 2009 ai vescovi di tutto il mondo,
con la quale egli spiegava il suo modo di procedere
nei confronti della tradizionalista Fraternità sacerdotale San Pio X
– a proposito della remissione della scomunica ai quattro vescovi scismatici.

Uno «strisciante scavo e smontaggio» del concilio veniva indicato,  
all’inizio del testo citato, come pericolo incombente:
«Il legittimo intento del papa è e deve essere l’unità della chiesa» –

ma a quale prezzo?

Anche a costo di lasciar svalutare il concilio oppure di dimezzarlo?

(…)
È stata lesa  –  si dà il caso – anche l’immagine del papa stesso,
il quale non solo fu consulente teologico personale dell’arcivescovo di Colonia, il card. Joseph Frings,
ma fu anche perito conciliare ufficiale.

La biografia teologica di Joseph Ratzinger è strettamente intrecciata con il concilio.

(…)
L’Ufficio stampa vaticano,
il 14 settembre 2011,
dopo la conclusione dei complessivi otto giri di colloqui,
tenutisi tra ottobre 2009 e aprile 2011,
di una commissione di studio mista
–  composta da rappresentanti della Fraternità sacerdotale S. Pio X e della Congregazione per la dottrina della fede –  
ha pubblicato una dichiarazione:

il suo compito era di «esporre le difficoltà  dottrinali essenziali su temi controversi e discuterle in modo approfondito, per chiarire le rispettive posizioni e motivazioni».
Tale scopo sarebbe stato raggiunto.

La Congregazione per la dottrina della fede
considera «come base fondamentale per il cammino verso una completa riconciliazione con la Sede Apostolica l’accettazione del testo del preambolo dottrinale»:

«Questa dichiarazione dottrinale»  
(presentata il 14 settembre)
«enumera alcuni principi dottrinali e criteri interpretativi della dottrina cattolica che sono necessari per garantire la fedeltà al magistero della chiesa e il ‘sentire cum ecclesia’».

Quali «principi dottrinali e criteri interpretativi» siano con ciò intesi,
il comunicato stampa non lo dice.

Allo stesso modo rimane segreto il contenuto del “preambolo”.

Tutti i fedeli hanno però il diritto di conoscere tale contenuto.

Deve irritare anche la successiva affermazione della dichiarazione
della Congregazione per la dottrina della fede:

«allo stesso tempo essa permette una legittima discussione sull’esame e l’interpretazione teologica di singole espressioni e  formulazioni che si trovano nei documenti del concilio Vaticano II e del successivo Magistero».

(…)  

In definitiva, non tradisce forse il concilio nel suo insieme
chi espone «singole espressioni e formulazioni»,
che pur sono espressione di un pluriennale processo decisionale,
alla «legittima discussione», senza precisare fin dove essa possa arrivare?

Le due parti intendono realmente la stessa cosa quando parlano di un «concilio pastorale»?

Il carattere dogmatico vincolante del Vaticano II è ugualmente chiaro a tutti gli interessati?

Il teologo dogmatico Wolfgang Beinert,
che prende parte regolarmente agli incontri del «gruppo dei discepoli» del papa a Castegandolfo,
alla radio ecclesiale di Monaco
ha parlato del fatto che un “ritorno” dei membri della Fraternità S. Pio X
è difficilmente immaginabile.

Per venire incontro all’altra parte ognuna delle due parti dovrebbe
«per così dire compiere un suicidio teologico».  

Ecumenismo,
libertà religiosa
e libertà di coscienza
restano i tre «punti di frizione» più importanti.

Se al riguardo una delle due parti esce dai propri limiti,
essa perde la propria faccia –
e la sua credibilità.

Non è forse vergognoso che al direttore della Fraternità San Pio X, il vescovo Bernard Fellay, siano state prospettate «richieste minime»?  

(…)
Le forme tradizionaliste d’oggi,
in fondo fanno iniziare la tradizione nel basso Medioevo.

Di conseguenza la messa tridentina è per loro irrinunciabile.
Ma essa proviene da un altro spirito, e la questione allora è: è lo stesso lo spirito al quale le due parti si riferiscono?»

(…)

tutto l’articolo su:
http://www.queriniana.it/blog/il-concilio-a-rischio-di-svendita/204

*Stimmen der Zeit
 rivista dei Gesuiti di Monaco di Baviera

__________________
Concilio Vaticano II, Vatican Council II, El Concilio Vaticano II, Le Concile Vatican II, Wolfgang Beinert, libertà religiosa, libertà di coscienza, Ecumenismo, Fraternità S. Pio X, Congregazione per la dottrina della fede, Andreas R. Batlogg, Stimmen der zeit, Gesuiti, Monaco di Baviera

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: