Aniceto Molinaro

Roma, s. Anselmo  lunedì 5 dicembre 2011 – ore 12:00
Piazza Cavalieri di Malta, 5

Messa in suffragio del Prof. Aniceto Molinaro

Aniceto Molinaro

 E’ morto il 26 novembre 2011 (75 anni) a Passariano vicino Codroipo.


Da molto tempo malato e negli ultimi tempi le sue condizioni di salute si erano rapidamente aggravate.
Era nato a Codroipo nel 1936.
Sacerdote il 19 marzo 1961.
Già docente di filosofia
nella Pontificia Università Lateranense e nel Pontificio Ateneo Sant’Anselmo.

Nel ricordo di una sua umanità indimenticabile,
il senso dell’umore,
giovialità,
vivacità,
semplicità.
La capacità di rendere comprensibile, accessibile la Metafisica nelle sue lezioni.

Il passaparola della notizia della sua morte comunicava come una sorta di sorpresa.

Il ricordo che ciascuno studente aveva della sua persona, lo aveva fissato nel momento in cui è entrato nella vita attraverso le sue lezioni e i momenti di incontro informale che si aveva con lui. La morte non pareva compresa. L’ultimo ricordo, nel febbraio 1994, fermandomi a pranzo con lui a Sant’ Anselmo.
.

per approfondire:

In memoria di un grande: Aniceto Molinaro – 3 dicembre 2011
http://rogazione.wordpress.com/2011/12/03/in-memoria-di-un-grande-aniceto-molinaro/

La Vita Cattolica
http://www.lavitacattolica.it/arcidiocesi_di_udine___il_portale/archivio_notizie/00006011_E__mancato_il_sacerdote_e_filosofo_mons._Aniceto_Molinaro.html

http://messaggeroveneto.gelocal.it/cronaca/2011/11/27/news/morto-don-molinaro-il-sacerdote-filosofo-1.1701287

http://spilimbergo.virgilio.it/notizielocali/Morto-don-Molinaro-il-sacerdote-filosofo-32576150.html

http://ildiscorso.it/2011/11/26/e-mancato-il-filosofo-mons-aniceto-molinaro/

I Libri di Aniceto Molinaro sul web:

http://www.libreriauniversitaria.it/libri-autore_molinaro+aniceto-aniceto_molinaro.htm

http://www.bol.it/libri/autore/Aniceto-Molinaro/7/S/1/

http://www.libreriadelsanto.it/libri_di/autore/Aniceto_Molinaro/page1.html

http://www.ibs.it/libri/molinaro+aniceto/libri+di+aniceto+molinaro.html

Prof. d. Aniceto Molinaro

28 novembre 2011 –  duomo di Codroipo.

OMELIA NELLE ESEQUIE DI MONS. ANICETO MOLINARI

“Questa è la volontà di colui che mi ha mandato, che io non perda nulla di quanto egli mi ha dato ma che lo risusciti nell’ultimo giorno”. Queste parole immortali di Gesù ci suggeriscono la preghiera che mons. Aniceto Molinaro aspetta certamente da noi in questa S. Messa di esequie che stiamo celebrando in suffragio della sua anima.

E’ un altro sacerdote che ha concluso la sua giornata terrena durata quasi 76 anni di cui 50 donati a Dio e alla Chiesa nel sacerdozio. Ed ora chiede a noi l’ultima fraterna carità di non lasciarlo solo nel suo passaggio definitivo verso Dio a cui, come ci ha ricordato S. Paolo, “ognuno renderà conto”, ma di essergli ancora vicini con la nostra preghiera.

D. Aniceto ci ha lasciati definitivamente con un ultimo cenno di saluto rivolto ai suoi cari che gli sono stati costantemente vicini con tanto affetto e premura fino al letto di morte. Se, però, è cessata ogni possibilità di rapporto sensibile e di dialogo con lui, non si è interrotta la comunione. Anche attraverso lo strappo della morte, la comunione con d. Aniceto – come con tutti i nostri cari defunti – ci è assicurata non dalle nostre deboli forze mortali ma da Gesù. Gesù risorto ha la potenza di “non perdere nessuno di coloro che hanno creduto in Lui” ma di “risuscitarlo nell’ultimo giorno”.

In questa celebrazione eucaristica entreremo in comunione reale con Gesù, che offre per noi il suo Corpo e Sangue per salvarci della morte. Nella nostra comunione con Gesù ci sarà anche d. Aniceto. Per lui chiederemo la grazia che quella comunione eucaristica con il Signore Gesù, che egli ha vissuto ogni giorno come sacerdote per 50 anni, diventi ora visione faccia a faccia: diventi rivelazione gloriosa di quella Verità che d. Aniceto ha indagato per la maggior parte della sua vita con grande rigore spirituale, morale e intellettuale e ha insegnato a tanti giovani allievi.

Offrendo a Dio Padre il Sacrificio di Cristo, uniamo anche l’offerta dell’esistenza sacerdotale del nostro fratello d. Aniceto, che – per quanto possiamo conoscere – è stata ricca di frutti e di talenti ben investiti per il bene della Chiesa e di tanti giovani sacerdoti e laici che si sono formati al suo insegnamento.

Ci saranno certamente altre occasioni e contesti più adeguati per fare un bilancio del valore che ha avuto l’opera di riflessione, specialmente filosofica, di mons. Aniceto Molinaro; dal contributo da lui dato alla scienza filosofica, al dialogo tra intelligenza e fede, al confronto critico con le espressioni, a volte, problematiche, della cultura contemporanea.

Gli incarichi prestigiosi di insegnamento che ha ricoperto per decenni, specialmente, presso la Pontificia Università Lateranense e il Pontificio Ateneo S. Anselmo, la direzione di importanti riviste, la presidenza dell’Associazione Docenti Italiani di Filosofia attestano, da soli, il valore dell’attività di studio e insegnamento del nostro d. Aniceto.

Quello che possiamo intuire è che questa attività accademica si è profondamente nutrita del suo spirito sacerdotale. La passione per la Verità rivelata, l’amore per la chiesa, la dedizione alla formazione delle nuove generazioni sono dentro il cuore di ogni sacerdote che si sente chiamato ad essere evangelizzatore e pastore.

Queste qualità hanno animato e illuminato l’impegno intellettuale e di insegnamento di d. Aniceto. Prima che intellettuale e docente, è stato sacerdote che si è sentito chiamare da Dio a svolgere il suo ministero annunciando la Verità e formando i giovani dentro il dialogo onesto e rigoroso con la cultura contemporanea.

Ho colto in d. Aniceto il profondo animo sacerdotale quando ho avuto la gioia di conoscerlo personalmente in alcuni incontri ricchi di umanità e di contenuto. Mi ha subito colpito lo spirito con cui egli era rientrato nella sua diocesi, a conclusione del suo impegno di insegnamento, per raggiunti limiti di età.

Altri docenti vivono il tempo della pensione rimanendo nell’ambiente in cui hanno insegnato e pubblicato e intrattenendo relazioni private. D. Aniceto è tornato per continuare a fare il prete e mettersi a disposizione della diocesi con grande naturalezza e umiltà. Ha dato testimonianza a me e a tanti di noi di una grande libertà di spirito; la libertà del servo della Chiesa che è stato chiamato a donarsi come sacerdote e che lo fa, senza pretese o nostalgie, nei modi che il Signore e il suo vescovo gli chiede.

E così si è messo a disposizione per le necessità della forania dedicandosi specialmente alla chiesa di Passariano dove si è fatto subito stimare e amare per la qualità spirituale e intellettuale della sua predicazione e del suo dialogo. Vi si è dedicato con ammirevole fedeltà fino al limite delle forze minate dalla malattia che lo ha condotto alla morte fisica.

Ha vissuto anche questa prova estrema con quella serena dignità che caratterizzava la sua personalità. Era la serenità che nasceva dalla fede nel Signore Gesù maturata da anni e anni di meditazione e offerta nell’insegnamento, nella predicazione e negli scritti.

D. Aniceto ci lascia in eredità un maturo esempio di spiritualità sacerdotale e di fede vissuta e motivata. Con riconoscenza fraterna lo mettiamo nel sacrificio di Gesù, Sommo Sacerdote e lo consegniamo nelle mani sicure di Dio Padre.
.
28/11/2011     S.E. Rev.ma Mons. ANDREA BRUNO MAZZOCATO
fonte:
http://www.webdiocesi.chiesacattolica.it/pls/cci_dioc_new/bd_edit_doc_dioc.edit_documento?p_id=936049&rifi=&rifp=&vis=1

__________________________________
Aniceto Molinari, Roma, Codroipo, Passariano, Udine, Pontificia Università Lateranense, Pontificio Ateneo sant’ Anselmo, Filosofia, Metafisica, libri, coscienza, etica, bioetica, essere, esequie,  ANDREA BRUNO MAZZOCATO ,

Annunci

6 responses to this post.

  1. Posted by lycopodium on 2 dicembre 2011 at 17:29

    Mi dispiace.
    Vedo che hai avuto maestri di vaglia. Non per nulla il tuo argomentare (anche quando non condiviso) ha una forza, inarrivabile, per un autodidatta come me. Del tuo prof., ho letto anni fa : “Metafisica. Corso sistematico”; scritto semplice e bene, nonostante l’asprezza dell’argomento.
    Ciao!
    _______________________________________
    da Incompiutezza: 2 dicembre 2011 ore 18:17
    Grazie lyco della sensibilità che mi dimostri.
    Probabilmente ti è anche percepibile il dolore nel mio argomentare.
    Un argomentare che non tiene più conto di correttezza linguistica.

    Rispondi

  2. Posted by Andrea Squartecchia on 6 dicembre 2011 at 02:24

    A Dio! Mi hai dato tanto! A. S.

    Rispondi

  3. Posted by Alfredo on 26 dicembre 2011 at 23:42

    Purtroppo solo ieri sono venuto a conoscenza della morte del professor Molinaro. Non sono stato solo suo alunno. Insieme ad altri studenti, per qualche anno, abbiamo condiviso, grazie a lui, alla sua umanità, alla grandezza del suo cuore, giornate indimenticabili di studio e di appronfondimento dei grandi argomenti della Metafisica. L’otto agosto del 1992 ha celebrato il mio matrimonio. Non averlo potuto rivedere e salutare mi lascia molta amarezza. In un momento delicato della mia vita è stato una luce. Sono sicuro che continuerà a farla arrivare a tutti.
    Grazie Aniceto.

    Rispondi

  4. Posted by Dott. Giorgio Coppini on 4 febbraio 2012 at 17:18

    E’ vero che per Mons. Molinaro tutte le cose occupavano uno spazio ben delimitato, stavano al loro posto, anche se non credo che per lui le cose fossero immutabili. Tutt’altro, certamente prediligeva l’ordine alla confusione, la logica alla chiacchiera (in senso heideggeriano) o all’empirico. L’ultimo Molinaro si era, del resto, orientato verso quella forma caratteriale che aveva da sempre contraddistinto la sua personalità: la mistica: per lui c’era qualcuno o qualcosa anche nel niente, non a caso il nulla è un ente, e questo a prescindere dalle sue argomentazioni sull’incontraddittorietà dell’essere.
    Per il filosofo Molinaro l’insegnamento era una mitologia, come quella del superuomo nietzscheiano. Ma era troppo discreto per affermarlo; però a differenza di Nietzsche anche sulla cattedra l’etica c’era ed in abbondanza, ma era speciale.
    La sua stessa definizione di fede come trascendimento della trascendenza è mistica: solo teologia negativa, apofatica; è la negazione e la negazione della negazione: no! E’ possibile passare dall’immanenza alla trascendenza. No! E’ possibile passare da questa trascendenza ormai raggiunta verso un puro nulla-essere. C’è solo mistica nel trascendimento della trascendenza.
    Che cosa accomuna filosofia e mistica? E’ Molinaro medesimo a dircelo: “chie che cosa sono io in e con Dio attualmente, nel mio attuale esistere? Ora, a prescindere del carattere sperimentale della risposta del mistico e a prescindere dalla sua forma di rappresentazione come appare dalle sue testimonianze, questa domanda è la stessa – o dovrebbe essere la stessa – di ogni filosofia, che intenda essere tale (A. Molinaro, Tra filosofia e mistica, Città Nuova 2003, p. 12).

    Dott. Giorgio Coppini

    Rispondi

  5. Posted by Reginald Pavel Větrovec on 21 luglio 2013 at 02:31

    Chiedo scusa per il mio povero italiano senza diacritica, ma vorrei lasciare qualche traccia dei miei ricordi di uno straniero che ha avuto – un tempo fa! – la fortuna di studiare a Roma e di incontrare il gran personaggio del professore ordinario della facolta di filosofia a San Anselmo. Anch’io ho conosciuto Mons. Molinaro come il filosofo, pero se non mi sbaglio egli ha insegnato anche la teologia morale, un mondo ormai complesso e complicato!
    Certo, Aniceto Molinaro fu un personaggio di grandi doni sia filosofici, sia teologici, pero ancora di piu e degno di apprezzamento come un’uomo veramente libero nel senso migliore della parola!, aperto e amico degli studenti. Sapeva non solo parlare e parlare bene!, ma anche ascoltare. Anzi anche durante esami che non sono stati per niente temuti ha aspettato sempre quale argomento interessa lo studente di piu! E riuscito combinare la sua vera liberta e autonomia con la bonta paterna ed gia menzionato ascolto attento. Un’esempio dalla aula: avevamo una lezione di durata di due ore d’insegnamento. Nella prima di esse il professore ha spiegato uno schema abbastanza complesso (specialmente per noi che siamo stati prime settimane in Italia!) come aveva visto un’argomento Immanuel Kant. Avevo impressione che anche per gli alunni italiani non fu una materia facile. Dopo intervallo Molinaro ha chiesto con il suo sorriso caratteristico se ci sono delle domande. Una studentessa italiana ha chiesto come spiegerebbe lo stesso argomento Hegel. Professore Molinaro ha preso la domanda come normale e tutt’il resto della lezione ha riformulato quest’argomento dal punto di vista hegeliano senz’alcuna fretta. Anche dopo piu che venti anni ricordo il suo riso quando negli intervalli studenti li hanno raccontato cio che e accaduto, le sue risposte, il fumo della sua pipa e dei suoi cigari… Piu che venti anni mi non sono occupato con la filosofia, ma mi ricordo che all’esame dalla filosofia contemporanea abbiamo fatto sulla richiesta del Professore qualche elaborato su un tema di Friedrich Nietzsche. Sono stato quasi alla fine dell’elenco degli studenti e tutti hanno parlato del loro lavoro. Quando sono venuto avevo fatto una proposta: “Padre, lasciamo per ora Nietzsche e parleremo un po’ di Martin Heidegger”. Aniceto Molinaro fu immediatamente pronto di cambiare il tema del discorso. Penso che la liberta del genere non ho finora trovato presso nessun’altro insegnante. Per quelli che da filosofia sapevano poco fu generoso, per quelli che volevano sapere o dire qualcosa di piu fu sempre aperto. Nel secondo anno alla fine del seminario – se mi ricordo bene qualcosa sulla mistica di b. Enrico Susone, ha invitato tutti i partecipanti alla cena nel ristorante a spese sue! Un’altro esempio della sua generosita e del cuore aperto! E durante la cena si e parlato con lui di molte cose dalla vita normale dai prezzi di benzina all’uso di latino nella liturgia nella parrocchia nel villaggio dove e stato come ragazzo.
    Forse sono stato troppo personale e concreto, ma il filosofo Molinaro e stato un’uomo e un sacerdote che ha amato la vita e gli uomini che ha incontrato. Sono grato al Signore che ho potuto essere fra essi!

    Padre Reginaldo Větrovec dalla Rep. Ceca

    Rispondi

  6. Posted by lorenzo savioli on 28 giugno 2016 at 17:04

    Sono un ex alunno del grande Prof.Molinaro.Ero seminarista allora e oggi sono sposato essendo poi uscito dal seminario prima del diaconato.Il mio ricordo di lui è quello di un sacerdote profondo e di un filosofo accanito nella ricerca dell’ “essere”.Hai lasciato un solco indelebile in me.Arrivederci in paradiso!

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: