La Croix: Omosessuali nella Chiesa

La Croix 25 oct 2011

Francia – La Croix 25 ottobre 2011

La Chiesa cerca il modo migliore per accogliere le persone omosessuali

La diocesi di Nizza ha nominato un sacerdote per progettare l’accompagnamento dei cristiani omosessuali, una decisione ancora rara.

Esistono altre iniziative, ispirate dai laici, ma restano molto discreti.

«L’audacia» della formula. Questo è quanto ritiene padre Jacques Ollès dalle conclusioni del rapporto al quale ha dato luogo il Sinodo diocesano di Nizza (2007-2009), reso pubblico questa estate: il testo prevede «un accompagnamento cristiano, individuale o in gruppo, (che) manifesta alle persone omosessuali che loro hanno un posto nella Chiesa e come essi possono vivere le esigenze evangeliche nella loro situazione concreta; Un sacerdote è stato nominato per questo scopo»

Il «sacerdote è stato nominato per questo scopo»,
è lui.
Padre Ollès, 74 anni, impegnato per dieci anni nella pastorale della sanità della diocesi di Nice (Nizza), si è visto affidare un’altra delicata missione, quella di proporre un approccio verso i fedeli omosessuali.
Obiettivo: realizzare una «pastorale per le persone omosessuali».
Il sacerdote al quale un piccolo gruppo di cristiani omosessuali ha domandato di accompagnarli da sette anni, nota un cambiamento:  «Dire che queste persone hanno il loro posto nella Chiesa è una novità.  Non è affatto facile parlare di questa questione nella chiesa; pertanto, questa è sorta naturalmente grazie al Sinodo.»

Sotto la direzione dei due vicari generali, il padre Ollès a costituito una piccola équipe di laici che sta preparando un questionario destinato ai sacerdoti, religiosi, e diaconi di Nizza.
«Siete già stati interpellati da una persona omosessuale nella vostra missione ?
Siete in contatto con una associazione ?
Secondo voi, l’omosessualità è un ostacolo alla pratica religiosa ? »
Varie domande che permetteranno di disegnare lo stato della situazione, prima tappa di un cammino che porterà a suscitare uno spazio di « parola libera » nel clero e all’interno delle famiglie.

Gli omosessuali attivi nella chiesa sono discreti.

Nelle Diocesi di Francia, l’iniziativa del Sinodo di Nizza è atipica.
Se nel 1986, la Congregazione per la Dottrina per la Fede ha incoraggiato i vescovi a promuovere nelle loro diocesi un accompagnamento spirituale e sacramentale delle persone omosessuali (1),  le diocesi sono ancora abbastanza lontane dai gruppi di cristiani omosessuali ormai esistenti da lunga data, come “Davide e Gionata”, “Divenire Uno In Cristo”, “Comunione di Betania”.
Mentre numerosi gruppi locali di condivisione spirituale esistono in tutta la Francia,  alcuni dei quali sono accompagnati in modo informale da sacerdoti o religiosi.

«Là dove abbiamo buone relazioni, non bisogna per questo dire che impegnarsi  su questo terreno è rischioso per i vescovi », nota un responsabile di “Davide e Gionata”, associazione cristiana nata nel 1972, e che prosegue:  «e le persone omosessuali impegnate nella Chiesa non vogliono che si riveli la loro situazione.»

I progetti creati per dare un posto più visibile a questi cristiani sono essenzialmente dovuti ai laici.
Il gruppo di Riflessione e Condivisione è nato a Nantes nel 2000.  Claude, uno dei fondatori e attuale presidente, lo vede come una risposta all’appello  al suo vescovo all’epoca Mons. Georges Soubrier – « Osiamo dire e e condividere ciò che noi viviamo» – in occasione dell’anno giubilare.
«Il nostro vescovo ci ha sostenuto, ma non abbiamo mai ricevuto la missione di lanciare questo progetto », precisa.

Molti del clero sono ancora a disagio con l’argomento.

L’idea era germogliata dopo la legge sui pacs, dai laici preoccupati dal vedere le manifestazioni di ostilità verso gli omosessuali all’interno delle parrocchie. « Noi vogliamo creare uno spazio di discussione soprattutto destinato alle famiglie », spiega Claude: corrispondenza, serate, conferenze nel corso delle quali intervengono dei teologi (il P. Luc Crépy), dei psicanalisti (Jacques Arènes). Fino all’edizione nel 2005 di un libretto intitolato: Orientamento omosessuale e vita cristiana (2). Presentato come un « contributo sulla riflessione per una pastorale verso le persone omosessuali », è costituito da una ventina di schede: identità omosessuale, posto nella Bibbia, omosessualità e famiglia.

Il documento, diffuso in 2000 copie in tutta la Francia, ha suscitato un vivo interesse da parte di una quindicina di vescovi.
Ma la maggior parte di loro si sente a disagio con l’argomento, constata Claude.
Tra i vescovi che si sono fatti avanti uno ha scritto così nel 2008: « La vostra brochure è un invito a far avanzare la riflessione e io approfitto di questo invio per provocare una domanda nelle istanze relative la mia diocesi.» Precisando tuttavia che restano « molti punti da approfondire», questo vescovo afferma che « la prima tappa » è assicurare  « l’accoglienza fraterna », « un tesoro per tutti quelli che sentono di essere messi al margine».

Il gruppo di Nantes Riflessione e Condivisione ha organizzato in aprile un ultimo incontro nazionale.
L’occasione di far conoscere quanto fatto attraverso tutto il paese.
La maggior parte sono gruppi di incontro costituiti da genitori cattolici che hanno figli omosessuali.
Alcuni sono accompagnati dal vicario generale e stanno stabilendo dei legami con la pastorale della famiglia;  mentre altri parlano della« preoccupazione dei sacerdoti all’inizio».
Claude è convinto della necessità  di questa azione proveniente dalla base. Ma sa anche che riflessione e Condivisione non ha potuto ottenere la visibilità per l’Anno della famiglia.

(1) Lettre aux évêques de l’Église catholique sur la pastorale des personnes homosexuelles, cardinal Joseph Ratzinger, préfet de la Congrégation pour la Doctrine de la foi, 1er  octobre 1986.

(2) Réflexion et partage, Maison des Œuvres, 43, rue Gaston-Turpin, Nantes.

ADRIEN BAIL – 25/10/2011 – 17 H 01

Tradotto da incompiutezza:
fonte:
http://www.la-croix.com/Religion/S-informer/Actualite/L-Eglise-cherche-a-mieux-accueillir-les-personnes-homosexuelles-_NP_-2011-10-25-727570

___________________________________________________________________
Riflessione personale:
Non credo che l’argomento possa avere  riverberi in Italia.
A Roma, la diocesi è al sicuro grazie al vecchio editto del buon Ruini,
con divieto assoluto alle 300 parrocchie romane di formazioni di alcun gruppo riconducibile agli omosessuali.

Come hanno confermato nella lettera i sacerdoti di Roma, con il successore card. Vallini il blocco alle novità di ogni genere voluto tre anni fà continua con successo.

Annunci

2 responses to this post.

  1. Non sapevo di questa “direttiva Ruini”. È davvero un peccato che non possano ufficialmente crearsi gruppi di questo tipo. Ho però la sensazione che la Chiesa sia una sorta di vulcano sonnacchioso. Ma il magna, sotto, si muove – questa l’immagine che ho nella mente.

    Sempre interessanti e “formativi” i tuoi post 🙂
    __________________________________________________
    da Incompiutezza: 01 nov. 2011 ore: 15:34

    Nella Chiesa i cattolici sono molto diversi tra loro,
    molti vogliono essere passivi, rifugiati nella fondamentalità indiscutibile,
    molti vogliono usare la ragione coniugata alla fede con l’esperienza.

    Il web permette anche di approfondire le varie diversità spesso estreme.

    In realtà,
    nel mondo dei cattolici/Chiesa sotto la cenere, molto si muove,
    ma come vedi,
    le notizie me le devo cercare all’estero,
    In Italia, la stampa di regime non ha interesse…..
    o ha interesse solo per le notizie che creano morbosità.

    Il peggio è un giornale cattolico come Avvenire che non risponde al mondo cattolico,
    come accade per La Croix in Francia,
    ma risponde solo al suo editore: la C.E.I.

    Rispondi

  2. Posted by raffaele memmo on 2 dicembre 2011 at 12:09

    quello che tutti,spesso,rischiano di tralasciare,di NON-DIRE e nn pronunciare è Gesù,il suo NOME,eGLI STESSO dice:”nel mio Nome scaccerete i demoni”e non è forse opera del Male l’esclusione dei fratelli soprattutto per un cristiano?Quindi il mio richiamo è a quel Gesù che muore e sorge per tutti,che allo spezzare del “Pane” e al versare del “Vino”invita tutti a prenderne parte…a prescindere dalla questione “omosessualità”,se tutti intimamente e veramente cercassimo e istaurassimo ogni giorno il proprio rapporto con il Cristo vivo,allora si che molte di quelle definite “problemetiche”sarebbero sciocchezzuole e mininvasive…ricordiamo:”Dio è Amore(concreto)e chiunque rimane nell’Amore rimane in Dio e Dio rimane in lui”.Pace e Bene da un ragazzo,laico e cattolico,che semplicemente cerca di seguire il Cristo

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: