Amerò il mondo con tutta la sua confusione.

Gio 4,1-11

Dio:
«Ti sembra giusto essere così sdegnato per questa pianta di ricino?».

Giona:
«Sì, è giusto; ne sono sdegnato da morire!».

Dio:
«Tu hai pietà per quella pianta di ricino
per cui non hai fatto nessuna fatica
e che tu non hai fatto spuntare,
che in una notte è cresciuta
e in una notte è perita!
E io non dovrei avere pietà di Nìnive,
quella grande città,
nella quale vi sono più di centoventimila persone,
che non sanno distinguere fra la mano destra e la sinistra,
e una grande quantità di animali?».

__________________
Oh!
Signore come sei misericordioso e pietoso! (responsorio salmico…)

…Accidenti,
che espressioni smielate e demodè !

Eppure questo strano Dio,
sta aiutando a maturare all’amore il povero Giona,
che si sta dimostrando un istintivo ed un impulsivo.

Avere pietà, è avere passione.

… di una città dove si fanno confusioni…

… di strade dove ci sono confusioni…

non posso fare l’esclusivo…
io,
cristiano,
sono cittadino di questo mondo…

«… La vocazione della Chiesa/cristiani
è amare il mondo come Dio lo ama,
guardare il mondo con lo sguardo stesso di Dio.
Amare
il mondo con l’amore di Dio
significa
cercare di “scrutarne” la storia della salvezza.

Infatti,
la storia della salvezza di un paese
non coincide necessariamente
con la storia della Chiesa in quel paese.» + Maroun Vescovo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: