Se il prete è senza Chiesa, senza il suo popolo…

Sabato 26 marzo 2011

1. E’Sabato. Sono le 10:30 quando raggiungiamo l’Istituto religioso e finalmente […]

Sono nell’Istituto religioso, l’ospizio.

Nel parlatorio la luce è debole.

Il Padre è sempre sorridente.

La sua voce un pò tremula, afferrava i pensieri che mi comunicava,
sempre in quel modo pacato,
così come lo conoscevo sin dal suo giovanile sacerdozio.

Il suo sorriso si univa alla luce brillante degli occhi.

S’è fatta l’ora del pranzo.
L’abbraccio è forte.

Nel mio cuore l’impegno di non far passare invano una settimana
senza che io abbia creato una presenza d’affetto da fargli pervenire.

Perchè, anche quando la luce dell’intelletto dovesse affievolirsi,
un segno, il mio segno gli sia accanto e accanto al Servo Sofferente Gesù.

Risalgo in auto, i pensieri si affollano incasinando i miei neuroni…..

La sua Parrocchia, quella sua Chiesa, costruita con Cristo e con il popolo cristiano giorno per giorno, […]
(continuerò…)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: