Il sacerdozio, di Mauro Piacenza (cardinale)

ALBERTO CUTIE (AP Photo/Tony Gutierrez)

ALBERTO CUTIE (AP Photo/Tony Gutierrez)

Il celibato sacerdotale. Questione di radicalità evangelica.
di Mauro Piacenza (cardinale)

“Residuo preconciliare e mera legge ecclesiastica.
Sono queste, in definitiva, le principali e più dannose obiezioni che riaffiorano nel periodico riaccendersi del dibattito sul celibato sacerdotale.
Eppure, niente di questo ha reale fondamento, sia che si guardi ai documenti del concilio Vaticano II, sia che ci si soffermi sul magistero pontificio.”
[…]
“Il celibato è un dono del Signore che il sacerdote è chiamato liberamente ad accogliere e a vivere in pienezza.”
[…]
“l’insegnamento papale degli ultimi decenni, da Pio XI a Benedetto XVI, è concorde nel fondare il celibato sulla realtà teologica del sacerdozio ministeriale,”
[…]

“celibato a mera legge ecclesiastica.” (…)
“Esso, infatti, è una legge
solo perché è un’esigenza intrinseca del sacerdozio e della configurazione a Cristo che il sacramento dell’Ordine determina.”
[…]
“In ogni caso, il dibattito sul celibato, che periodicamente nei secoli si è riacceso, certamente non favorisce la serenità delle giovani generazioni nel comprendere un dato così determinante della vita sacerdotale.”

Fonte:
http://www.vatican.va/news_services/or/or_quo/commenti/2011/067q01b1.html

__________________________________
Il 23 marzo 2011
queste erano alcune delle espressioni scritte dal cardinal Mauro Piacenza sull’Osservatore Romano.

Piacenza ci dice:
– il celibato è un dono,
– il sacerdote è libero di accoglierlo e viverlo.

Fin qui ci siamo, è persino logico.

Un uomo sacerdote può avere il dono del celibato o della castita’ (=astinenza sessuale).

Ma Piacenza ci fa entrare nell’assurdo:
il celibato si fonda sulla realtà teologica del sacerdozio ministeriale.

E qui siamo proprio fuori dalla grazia.
Un dato disciplinare come il celibato/astinenza sessuale viene fondato teologicamente dopo secoli di esistenza del sacerdozio stesso.

Essere celibi, da nessuna parte è scritto che è consustanziale al sacerdozio o parte ontologica del sacerdozio,
eppure con una operazione di pura superficialità non argomentata,
diviene parte integrante della teologia del sacerdozio,
all’insaputa di Gesù stesso.

Gesù è celibe, Gesù è sacerdote, quindi i sacerdoti devono essere celibi.

Perfetto sillogismo,
ma di cui Gesù non si è mai lontanamente sognato di crearne presupposti teologici.

Celibato e castità,
saranno presupposti che scopriranno alcuni laici,
che si ritireranno nelle “lavre”, nel deserto, nei primi cenobi storici.

Ma niente affatto per presupposti di chierici o per la vita sacerdotale.

Mr. Mauro Piacenza,
dalla sua cadrega cardinalizia non fa altro che affermazioni autoreferenziali,
che non hanno fondamento storico nè apostolico,
e magari pensa di aver scritto di altissima teologia!!!

Ma Mauro Piacenza ha paura per le giovani generazioni,
infatti nel suo clericalese,
è incapace a parlare alle giovani generazioni del sacerdozio.

Il sacerdozio che è nella mente di Mauro Piacenza,
può essere da rifuggire,
in quanto irreale e inumano.

Ma Mauro,
abbi pazienza!
Ma quanti sono i sacerdoti che fanno sesso con donne o uomini a seconda delle loro tendenze,
e poi celebrano messa, confessano, sono bravi padri spirituali, aiutano la crescita spirituale delle persone?
Non credo che lo vengono a dire a te! Vero?

Resta nel foro della coscienza personale.
Non lo sapremo nè io nè te.

Ma perchè ti ostini a negare l’evidenza?
I sacerdoti sono uomini che non hanno fatto la scelta monastica,
non appartiene a loro nè la castità, nè il celibato,
Gesù stesso non l’ha previsto.

E’ vero!
ci sono infiniti libri che affrontano la questione sacerdozio-celibato-castità.
Ma io e te sappiamo che sono un mucchio di panzane.

Caro don Mauro ritorna in te, e prova a scrivere qualcosa di più sensato.

_________________________________________________
Ma chi è don Mauro Piacenza ora cardinale?

Nato a Genova il 15 settembre 1944.
Ordinato sacerdote il 21 dicembre 1969.
Laureato in diritto canonico.
A Genova è stato docente di diritto canonico nella facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale
quindi, docente di cultura Contemporanea all’Istituto Superiore di Scienze Religiose,
quindi, delegato dell’arcivescovo di Genova per l’Università e la Cultura,
quindi, Giudice presso i Tribunali Ecclesiastici diocesano regionale,
quindi, assistente diocesano del Movimento Ecclesiale di Impegno Culturale,
quindi, addetto stampa Arcivescovile,
quindi, Canonico della Cattedrale.

Dopo tutto questo carrierismo di vita senza pastorale, senza parrocchia, senza popolo?
Premio!
Dal 1990 è in servizio presso la Curia Romana.
Diviene Capo Ufficio e Sotto-segretario della Congregazione per il Clero,
quindi ill 13 ottobre 2003 viene fatto vescovo titolare (quindi di nulla) di Vittoriana
quindi riceve l’incarico di presidente della Pontificia Commissione per i Beni Culturali della Chiesa,
e en plein, Presidente della Pontificia Commissione per l’Archeologia sacra.
Premio!
Benedetto XVI, il 7 maggio 2007 lo promuove Arcivescovo (di che?).
premio!
Ottobre 2010, Benedetto XVI lo incarica come Prefetto della Congregazione per il Clero, (quindi come responsabile di tutti i preti del mondo!).

Ecco,
quest’uomo,
parla di celibato,
di sacerdozio……

Chi mi garantisce che parla… parla…ufficialmente
e poi non si conceda momenti di vita clandestina,
per ridarsi un senso umano,
tanto tipica a uomini di curia,
uomini di scartoffie,
uomini di leggi rigide…

Mentre i parroci, i preti normali,
si fanno il culo a fare i salti nella vita delle parrocchie più o meno difficili,
per poi essere abbandonati in uno ospizio quando non servono più, in vecchiaia o in malattia.

 

Mauro Piacenza - cardinale

A proposito:
______________________
Padre Alberto Cutie
Sacerdote cattolico USA
innamoratosi,
non ha lasciato il sacerdozio,
ma lo ha arricchito dell’umana affettività ricevuta in dono dal creatore.

Annunci

One response to this post.

  1. Reblogged this on BABAJI.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: