Se la Messa è un frutto avvelenato….

 

Don Massimo Sbicego mostra uno dei suoi serpenti

ANTEFATTO.

Nel 1973, uscì la tanto attesa edizione italiana del Missale Romanum cosidetto di Paolo VI, frutto delle indicazioni arrivate da tutti i vescovi del mondo

(circa 3.000) che si erano riuniti a Roma negli anni ’60 insieme con il Papa in una assise chiamata Concilio.

La Costituzione Apostolica “Missale Romanum” è del 3 aprile 1969.

Nel 1973 quanti anni aveva don Massimo Sbicego ? oggi di 38 anni?

Forse un anno!

Quindi non ha mai assistito o partecipato ad una Messa celebrata nel rito cosiddetto di Pio V frutto delle indicazioni indicate dai vescovi e dal Papa nel

momento storico del Concilio di Trento.
Quel Missale Romanum, viene promulgato nel 1570 – Costituzione Apostolica “Quo primum” 13 luglio 1570.

don Massimo Sbicego ha:

nel 1980,    8 anni
nel 1990,  18 anni
nel 2000,  28 anni e viene ordinato sacerdote.

La sua formazione culturale avviene indiscutibilmente dopo gli anni ’80.
Il Papa di riferimento è Giovanni Paolo II.

Eppure questo giovane uomo in una lettera del 14 dicembre 2010, può affermare:
“senza la Santa Messa di sempre, quella Tridentina, il cielo resta chiuso e la deriva è inevitabile”

“La messa di sempre” !!!!
______________________
FATTO.

Nei siti Web di “Tradiland”
l’azione di don Massimo Sbicego
viene definita:
“Coraggiosa scelta di un bravo Sacerdote”

Don Massimo Sbicego
nasce a Montecchio Maggiore nel Vicentino,

era da un anno(2009) alla guida della comunità di Pedemonte nella Valle dell’Astico al confine del Trentino, ma in Diocesi di Vicenza.

Nel periodo natalizio 2010
dopo essersi incontrato con il vicario generale della Diocesi, don Ludovico Furian,
lascia la parrocchia
per entrare nella Fraternità Sacerdotale s. Pio V fondata da Mgr. Marcel Lefebvre (cosiddetti tradizionalisti).

Ha lasciato scritto tre lettere per spiegare la sua azione.

Al centro della sua riflessione vi è la Messa.
E’ la Messa che lo ha messo in crisi.
E’ la Messa del 1570 (quella “di sempre”) che lui sceglie,
in cui si sente valorizzato, ovviamente con tutto il cumulo culturale-dottrinale che sottende (la Chiesa Cattolica allo sfascio, verso il protestantesimo, il relativismo…).

______________________
Credo che le riflessioni sul caso debbano essere di ordine psicologico e formativo.

Nei seminari italiani diversi uomini giovani stanno entrando con l’idea di una Chiesa che deve tornare al 1570 o per lo meno ad un periodo legato al dottrinale e al messale che durerà fino al 1973.
Uomini che non ne hanno nè l’esperienza,
nè una approfondita conoscenza.

Uomini che non hanno capito che il sacerdozio è al servizio del sacerdozio di tutto il Popolo di Dio,
ma vedono
un sacerdozio che realizza soltanto sè stessi,
e la propria voglia di riscattarsi come una sorta di leader sul popolo,
quando il parroco veniva quasi prima del sindaco per importanza sociale.

Dalle lettere di don Massimo viene fuori che i giovani non capiscono, gli altri non capiscono….

E io mi domando…. ma lui… in questi dieci anni di vita sacerdotale… ha cercato di capire gli altri?
o
si è rifugiato nella “sua” messa,
una Messa che non era più per gli altri,
ma per soddisfare proprie inconsistenze?

Come sottolineavo in un precedente post,
si tratta di fughe…..

Il cristiano è un missionario, và tra la gente cercando il volto di Gesù e facendolo trovare….

Al Papa, ai Vescovi, ai preti, e ai laici,
riflettere e affrontare queste problematiche…
oltre a pensare alla Giornata di Assisi
e alla Accademia delle Scienze….

FONTI:
http://corrieredelveneto.corriere.it/vicenza/notizie/cronaca/2011/12-gennaio-2011/parroco-sparisce-arriva-lettera-passo-lefebvriani-181241201313.shtml

http://www.centopercentoanimalisti.com/phpBB2/-vp602667.html

http://www.ilgiornaledivicenza.it/stories/Provincia/215290__un_invito_a_pregare_per_don_massimo_che_non_d_notizie/

http://www.ilgiornaledivicenza.it/stories/Provincia/215008__il_prete_con_la_passione_per_i_serpenti/

Missale Romanum:
http://www.vatican.va/holy_father/paul_vi/apost_constitutions/documents/hf_p-vi_apc_19690403_missale-romanum_it.html

Pedemonte:
http://www.comune.pedemonte.vi.it/ente/informazioni.php

Annunci

One response to this post.

  1. Posted by Rita on 19 gennaio 2011 at 09:27

    La Messa pulita (come la chiamo io), cioè Letture, Vangelo, Credo, Offertorio, CONSACRAZIONE, Comunione, Ringraziamento e Benedizione NON potrà MAI essere noiosa per un cristiano!!!
    Anzi, al termine lo stupore è tale che uno starebbe lì per averne un’altra!
    Chi eventualmente la rende noiosa è il sacerdote!
    Ma siamo liberi e responsabile dei nostri gesti e, talvolta, carenti di Memoria…

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: