La bibbia, contestualizzare…

Ricordando Fisichella, vescovo senza popolo.

«Bisogna sempre in questi momenti saper contestualizzare le cose ….»

.
La Bibbia.

E’ un insieme di libri
scritti da mano di uomini,
diversi lungo il tempo e nello spazio geografico,
uomini soggetti a passioni,
uomini fondamentalmente interni alle culture mesopotamiche o elleniche,
uomini che non possono che scrivere all’interno della propria comprensione culturale dell’epoca.

.
Dinanzi alla barzelletta con bestemmia finale,
raccontata dal capo del consiglio dei ministri,
ecco
cosa risponde il vescovo Fisichella:

.
«Bisogna sempre in questi momenti saper contestualizzare le cose e,
certamente,
non bisogna da un lato diminuire la nostra attenzione,
quando siamo persone pubbliche,
a non venir meno a quello che è il nostro linguaggio e la nostra condizione;
dall’altra credo che
in Italia dobbiamo essere capaci di non creare delle burrasche ogni giorno
per strumentalizzare situazioni politiche
che hanno già un loro valore piuttosto delicato
».

+Fisichella 1 ottobre 2010
 
Nonostante tutte le giustificazioni teologiche che si danno,
continuo
a non vedere il motivo per consacrare vescovi senza popolo,
quella sorta di funzionario-Gerarca,
un vero controsenso
nella Chiesa.

Sarà una tradizione umana dura a morire…
fin quando rimarrà simbolo di potere,
e non di servizio al popolo sacerdotale.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: