Un Monaco nel Cuore del Mondo (Pietro di Cluny)

Un Monaco nel Cuore del Mondo

Lettere scelte

Autore: PIETRO IL VENERABILE
Destinatario: cultori classici spiritualità cristiana
Collana: letture cristiane del secondo millennio

Edizione: 1
Copertina: cartonato con sovraccoperta
Pagine: 448
Anno di pubblicazione: marzo 2010
Luogo di pubblicazione: milano
Casa editrice: Paoline Editoriale Libri
Codice: 9788831538008
Prezzo: 32,00 €

 

Prima traduzione italiana di 41 lettere del suo epistolario, la fonte principale per conoscere Pietro il Venerabile, abate di Cluny, nell’undicesimo centenario della fondazione dell’abbazia.

 

PIETRO IL VENERABILE
(1092/94-1156)
Abate di Cluny

Nato in una famiglia della piccola nobiltà dell’Alvernia, dove si respirava “aria monastica”, fece la professione monastica a 17 anni e dopo essere stato priore a Vézelay e a Domène, all’età di neanche 30 anni è eletto abate di Cluny, in un periodo di grande crisi dell’abbazia. Nonostante una forte opposizione, porta avanti importanti riforme relative alla liturgia, alle osservanze, all’economia dei monasteri (Cluny governava su più di mille fondazioni!). Pietro fu un grande personaggio pubblico non solo per i rapporti che aveva con i monasteri, ma anche con il Papa e i regnanti. Scrisse alcune opere apologetiche, un libro Sui miracoli, ma soprattutto le sue 193 lettere. Difese Abelardo contro Bernardo e lo accolse  a Cluny. Attento all’emergere in occidente dell’islam, fa tradurre il Corano. Muore nel Natale del 1156.

 

“Ho deciso di scrivere per l’utilità della Chiesa di Dio,
alla quale devo ciò che so e valgo.
Prego dunque chi legge, ed esorto chi ascolta,
perché ciò che ho voluto scrivere sia letto con profitto
e venga ascoltato in modo da trarne vantaggio”.
Pietro il Venerabile

“Pietro di Cluny costituisce un esempio
anche per i cristiani di questo nostro tempo,
segnato da un ritmo di vita frenetico,
dove non sono rari 
gli episodi di intolleranza e di incomunicabilità,
le divisioni e i conflitti”.
Benedetto XVI

 

Nell’undicesimo centenario della fondazione di Cluny (910 – 2010) si danno qui in prima traduzione italiana 41 delle 193 lettere dell’epistolario “che rimane la fonte principale per scoprire l’uomo e il suo inserimento nel XII secolo” (Torrell Bouthillier).
Accanto a “trattati”, come la Lettera 20 sulla vita solitaria, o la Lettera 111 a Bernardo, autentico manifesto contro ogni fondamentalismo, troviamo scritti che hanno per tema l’amicizia, la vocazione religiosa, la preghiera, la speranza oltre la morte; altri che mostrano un saggio uomo di governo, tanto energico nel difendere i diritti della “chiesa cluniacense” quanto deciso a riformare la vita monastica, un cuore misericordioso che accoglie il perseguitato Abelardo, un intellettuale singolarmente attento all’emergere dell’Islam, di cui fa tradurre il Corano.
La grande varietà dei destinatari, la diversità delle loro posizioni nella società civile e nel mondo ecclesiale, la complessità dei problemi affrontati di volta in volta permette di tracciare un affresco molto ricco sul panorama della prima metà del sec. XII.

 

Pietro il Venerabile
nel XII secolo ha introdotto nella Chiesa occidentale
la solennità della Trasfigurazione,
che nella Chiesa d’Oriente veniva già celebrata da diversi secoli.

  

http://www.paoline.it/SchedaProdottoEC.aspx?IdP=9788831538008

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: